giovedì 20 aprile 2017

Tatuaggi color pelle di Simone Giraudi





Tatuaggi color pelle
di Simone Giraudi

Editore: Project Grow Up - Edizioni Leucotea Srl
Genere: Romanzo introspettivo
Pagine: 104
Formato: Brossura
ISBN: 978 88 99067 71 7
Prezzo: 12,90


Sinossi. Francesco e Ambra sono l'epitome della coppia perfetta. Costretti alla lontananza per qualche tempo a causa del lavoro di lei, Francesco scopre nascosto nel bagno un astuccio di pelle nera contenente una strana polvere, che il ragazzo associa a qualche nuova droga sintetica.
Inizia un viaggio alla ricerca di risposte, che lo porterà a dubitare della sincerità della sua compagna mettendo in discussione quella che pensava fosse una relazione perfetta.
Scoprirà che la strana sostanza arriva da un nuovo locale, nel quale un misterioso essere chiamato L'Angelo aiuta le persone a superare il proprio dolore.


Recensione

Che si tratti di libri, film o serie tv, il finale gioca per me un ruolo molto importante. Se, per qualsiasi motivo, vengo a scoprire la fine di un libro o di un film che voglio leggere o voglio vedere, quello stesso libro e quello stesso film, per me, perdono automaticamente di interesse. Tutto questo per dire che il finale di Tatuaggi color pelle è uno dei finali migliori che io abbia letto ultimamente, supportato da una narrazione più che valida. Partiamo quindi dall'inizio.

   "Ambra e Francesco scoprirono di essere semplicemente fatti l'uno per l'altra, incarnazione vivente di un modo di dire sgualcito dall'uso. Avevano tutto in comune: ridevano per le stesse cose, mangiavano le stesse cose, guardavano gli stessi film e leggevano gli stessi libri, avrebbero potuto sembrare più innamorati, più complementari, solo se avessero cominciato a concludere l'uno le frasi dell'altra (e in effetti  non è che non fosse mai capitato). Non avevano mai litigato per davvero nemmeno una volta in tutto quel tempo e sapevano chiaramente di conoscersi l'un l'altra sotto ogni aspetto possibile."
Ci vengono presentati così i due personaggi principali attorno a cui ruota la storia del romanzo. Seppur la perfezione non esista, Ambra e Francesco sembrano incarnarla. Il punto è proprio questo, la perfezione non esiste
La prospettiva è quella di lui, di Francesco, ed è il solo protagonista che ci accompagna dall'inizio alla fine. Per sostenere i sogni e i desideri di Ambra, la lascia partire per un breve periodo per motivi di lavoro. Dato che si trova dall'altra parte del mondo, riescono ad incontrarsi solo tramite videochiamata e giusto per un paio d'ore. Non è stato facile per Francesco lasciarla andare, l'idea di allontanarsi da lei anche per una sola settimana sembrava impossibile, ed è per questo che cerca di arrivare sempre puntuale all'orario dell'appuntamento a distanza.
Quello del ragazzo non è stato un passato facile e forse è proprio per questo che quello che scopre lo sconvolge ancora di più.
L'elemento vincente della storia è la normalità. Per una buona parte della narrazione non c'è nessun elemento anormale o atipico. Questo è dovuto ai personaggi, all'ambientazione e ai riferimenti alla cultura popolare quali canzoni e serie tv che fanno risultare i protagonisti delle persone comuni, avvicinando il lettore a loro e alla loro storia. Proprio quando chi legge si sente quasi in confidenza con il protagonista, c'è il punto di svolta. E' il momento in cui Francesco trova un astuccio nascosto tra le cose di Ambra, il suo contenuto lo mette in allarme: una strana polvere nera che lo riporta subito a quel passato da cui ha impiegato tempo per prenderne le distanze. Intuisce immediatamente che c'è qualcosa di strano ma non si immagina che la realtà possa essere così terribile. Grazie alle informazioni di un'amica di Ambra riesce ad arrivare alla verità, una verità sconvolgente. Ma a turbarlo è il fatto che Ambra, la sua metà, con cui non c'era nessun segreto, con cui condivideva la vita gli abbia tenuto tutto nascosto. 
E' pur vero che l'evento alla base della verità che Ambra ha tenuto nascosto a Francesco viene vissuto diversamente dalla donna rispetto all'uomo ma dimostra, in ogni caso, che il rapporto apparentemente perfetto tra i due non è poi così perfetto. 
L'inquietudine che da qui in poi prova Francesco nel prendere coscienza di questa situazione diventa l'inquietudine del lettore. La narrazione cambia tono, diventa più oscura e vengono aggiunti elementi quasi paranormali, pur rimanendo ancorati alla realtà vivida della prima parte, fattore che crea maggior tensione. 
Questa trepidazione ci accompagna fino alla fine, dove ha il suo punto massimo. 
Giungendo al termine della storia, infatti, entra in gioco una figura rilevante: quella dell'Angelo. Il suo aspetto non è quello di un essere umano eppure i suoi effetti sul protagonista sono molto reali. Il tono cambia e il racconto diventa più intenso ed intimo, cambiando anche nella narrazione che diventa in prima persona, per poco, giusto il tempo di entrare in una diretta connessione con l'anima di Francesco. 
La capacità di Simone Giraudi è quello di riuscire ad utilizzare uno stile semplice, lineare con descrizioni essenziali, concise, ma dirette e molto suggestive allo stesso tempo; a scandire con le parole il tempo della narrazione e le emozioni suscitate dal lettore, abilità dimostrate soprattutto nella parte finale del racconto. E torniamo quindi al discorso iniziale.
Non è semplice mettere nero su bianco le sensazioni provate nel leggere la conclusione della storia. La sensazione è stata quella di riuscire a leggere qualcosa di "cinematografico", nel senso di diretto ed immediato. L'autore è riuscito a scegliere le giuste parole per poter ricreare scene complete: non solo le immagini scorrono davanti al lettore come se venissero proiettate ma, proprio come se fosse un film, è come se mentre leggiamo ci accompagnasse una colonna sonora che, ad un certo punto, dà spazio al silenzio e ci portasse alla fine in un crescendo di tensione...la quiete prima della tempesta, prima del colpo di scena finale. Un finale in cui Francesco riesce finalmente ad essere consapevole della sua situazione, del suo rapporto con Ambra.
Tatuaggi color pelle pone l'attenzione sui rapporti, in particolare sulla sincerità nelle relazioni. Ed è per questo che è inquietante. Ambra e Francesco stanno insieme, vivono insieme, eppure una verità così importante non viene rivelata, quindi condivisa. 
Siamo veramente sinceri con gli altri? La verità è che no, il più delle volte tendiamo a mantenere dentro di noi alcune verità e come lo siamo noi, probabilmente lo sono anche gli altri. I muri che costruiamo intorno, anche se sembrano invisibili o appena percettibili, sono le cause che ci impediscono di comunicare con gli altri. E sono muri che noi stessi costruiamo. Buttarli giù non è semplice, significa guardarci dentro, ma è l'unico modo per vivere l'altro con sincerità. 

Consiglio Tatuaggi color pelle? Sì! Un libro davvero ben scritto, con un buon ritmo ed una storia coerente e molto coinvolgente!
Grazie alla casa editrice per l'opportunità!



L’autore. Simone Giraudi, classe 1991, lavora come giornalista in provincia di Cuneo. Si dedica alla narrativa breve dal 2013, anno in cui apre il blog Conati di Anima e si occupa dei testi di un libro illustrato sul paese di Peveragno. Ha pubblicato in totale autoproduzione la raccolta di racconti horror Seiocchi e il racconto fantascientifico Nulla si distrugge, e partecipato alla realizzazione dei prodotti creativi del cuneese Collettivo Eclisse. Nel 2016 due suoi racconti hanno trovato posto, rispettivamente, nell'antologia benefica a favore dei terremotati Io Scrivo Per Voi e in quella derivata dal 3° concorso letterario del magazine Cultora.







2 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggerlo :) al Salone sarà il primo acquisto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà sicuramente un ottimo acquisto!!
      Invidiaaaa per il Salone :P

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...